venerdì 27 gennaio 2012

Bianca ape, ebbra di miele, ronzi nella mia anima - da Veinte Poemas de Amor y una cancion desesperada - Pablo NERUDA


Bianca ape,

ebbra di miele,

ronzi nella mia anima

e ti avvolgi in spirali lentissime di fumo.


Io sono il disperato,
la parola senz'eco,

quegli che ha perso tutto,

dopo aver tutto avuto.

Sei la fune in cui cigola la mia ultima brama.
Nel mio deserto vivi come l'ultima rosa.

Ah silenziosa.

Chiudi gli occhi profondi dove aleggia la notte.

E denuda il tuo corpo di statua timorosa.

Possiedi occhi profondi dove vola la notte,
fresche braccia di fiori ed un grembo di rosa.

I tuoi seni assomigliano alle conchiglie bianche.
E sul tuo ventre dorme una farfalla d'ombra.

Ah silenziosa.

Con me è la solitudine da cui tu sei lontana.
Piove. Il vento del mare caccia erranti gabbiani.

L'acqua cammina scalza per le strade bagnate.
Le foglie di quell'albero gemono come infermi.

Bianca ape assente, ancora ronzi nella mia anima.
Risusciti nel tempo, sottile e silenziosa.

Ah silenziosa.




Pablo NERUDA