lunedì 26 luglio 2010

"Rimani, non abbandonarli" TAGORE - Schegge e Scintille, Lug 2010 a cura di Don Franco LOCCI



L'aspirante asceta decise che era arrivato il tempo di lasciare la sua casa per andare alla ricerca di Dio.


"Chi mi ha trattenuto qui finora?". Dio gli rispose: "Io!".


Ma l'uomo non aveva le orecchie disposte ad ascoltarlo.


Sua moglie stava dormendo nel grande letto con il suo bimbo addormentato accanto.


L'uomo disse: "Chi mi ha distolto per tutto questo tempo?". La stessa voce ripetè: "Dio!".


Ancora una volta egli non prestò attenzione.


Il piccolo si strinse alla madre, piangendo, nel sonno.


La voce di Dio disse ancora: "Rimani, non abbandonarli!"


Ma l'uomo per la terza volta non prestò attenzione e si allontanò.


Allora tristemente Dio commentò: "Perchè mi abbandona per andare in cerca di me?"





TAGORE





tratto da SCHEGGE E SCINTILLE - Pensieri, spunti, riflessioni - luglio 2010 a cura di Don Franco LOCCI








Quante volte succede o vediamo capitare che si abbandoni ciò che si ama e si ha per allontanarsi alla spasmodica, insaziabile ricerca della medesima cosa? di ciò che si possiede già??
Iris


giovedì 22 luglio 2010

I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi - Nazim HIKMET 1948




I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi

che tu venga all'ospedale o in prigione

nei tuoi occhi porti sempre il sole.

I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi

questa fine di maggio, dalle parti d'Antalya,

sono così, le spighe, di primo mattino;

i tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi

quante volte hanno pianto davanti a me

son rimasti tutti nudi, i tuoi occhi,

nudi e immensi come gli occhi di un bimbo

ma non un giorno han perso il loro sole;

i tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi

che s'illanguidiscano un poco, i tuoi occhi

gioiosi, immensamente intelligenti, perfetti:

allora saprò far echeggiare il mondo

del mio amore.

I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi

così sono d'autunno i castagneti di Bursale foglie dopo la pioggia

e in ogni stagione e ad ogni ora, Istanbul.

I tuoi occhi i tuoi occhi i tuoi occhi

verrà un giorno, mia rosa, verrà un giorno

che gli uomini si guarderanno l'un l'altro

fraternamente

con i tuoi occhi, amor mio,

si guarderanno con i tuoi occhi.


1948 - Nazim HIKMET

sabato 17 luglio 2010

Concedi ch'io possa sedere - Rabindranath TAGORE




Concedi ch'io possa sedere


Concedi ch'io possa sedere

per un momento al tuo fianco.

Le opere cui sto attendendo

potrò finirle più tardi.

Lontano dalla vista del tuo volto

non conosco né tregua né riposo

e il mio lavoro

diventa una pena senza fine

in un mare sconfinato di dolori.

Oggi l'estate è venuta

alla mia finestra

con i suoi sussurri e sospiri,

le api fanno i menestrelli

alla corte del boschetto in fiore.

Ora è tempo di sedere tranquilli

a faccia a faccia con te

e di cantare la consacrazione

della mia vita

in questa calma straripante e silenziosa.


Rabindranath TAGORE

mercoledì 14 luglio 2010

La più nobile bellezza - Friedrich NIETZSCHE



La più nobile specie di bellezza

è quella che non trascina a un tratto,

che non scatena assalti tempestosi e inebrianti

(una tale bellezza suscita facilmente nausea),

ma che si insinua lentamente,

che quasi inavvertitamente si porta via con sè

e che un giorno ci si ritrova davanti in sogno,

ma che alla fine,

dopo aver a lungo con modestia giaciuto nel nostro cuore,

si impossessa completamente di noi

e ci riempie gli occhi di lacrime

e il cuore di nostalgia.



Friedrich NIETSCHE

lunedì 12 luglio 2010

Con il passare del tempo... - Hannah ARENDT




Con il passare del tempo


ci accorgiamo che le cose importanti


della nostra vita


sono quelle a cui siamo rimasti fedeli.



Hannah ARENDT




La fedeltà come valore di vita e non solo sentimentale! :-)

Iris

Una nobile persona - Johann Wolfgang GOETHE





Una nobile persona

attrae persone nobili,

e sa come tenerle vicino a sè.




J. W. GOETHE



sabato 10 luglio 2010

Per il mio cuore - Pablo NERUDA






Per il mio cuore basta il tuo petto,



per la tua libertà bastano le mie ali.



Dalla mia bocca arriverà fino al cielo



ciò che stava sopito sulla tua anima.




E' in te l'illusione di ogni giorno.



Giunge come la rugiada sulle corolle.



Scava l'orizzonte con la tua assenza.



Eternamente in fuga come l'onda.







Ho detto che cantavi nel vento



come i pini e come gli alberi maestri delle navi.

Come quelli sei alta e taciturna.

E di colpo ti rattristi, come un viaggio.






Accogliente come una vecchia strada.

Ti popolano echi e voci nostalgiche.

Io mi sono svegliato e a volte migrano e fuggono



gli uccelli che dormivano nella tua anima.





Pablo NERUDA


Tutte le cose... - Francis THOMPSON, fisico Premio Nobel




Tutte le cose

vicine e lontane

segretamente

sono legate le une alle altre,

e non si può toccare un fiore

senza disturbare una stella.


Francis THOMPSON
fisico Premio Nobel

Katharine HEPBURN nel personaggio del suo ultimo film LOVE AFFAIR: "Il trucco nella vita..."

E' stata definita la più grande attrice di tutti i tempi
4 Oscar come Miglior Attrice Protagonista
fino ad ora rimane un primato ineguagliato



Il trucco nella vita

non è

di ottenere ciò che vuoi

ma di continuare a volerlo

dopo che lo hai ottenuto

mercoledì 7 luglio 2010

Ormai sei mia - Pablo NERUDA





Ormai sei mia.

Riposa con il tuo sogno nel mio sogno.

Amore, dolore, fatiche devono dormire ora.

Gira la notte sulle sue invisibili ruote

e accanto a me sei pura come l'ambra addormentata.


Nessun'altra amore, dormirà con i miei sogni.

Andrai, andremo insieme attraverso le acque del tempo.

Nessuna attraverserà l'ombra con me,

solo tu, sempre viva, sempre sole, sempre luna.


Ormai le tue mani hanno aperto i pugni delicati

e lasciato cadere soavi segni senza rotta,

i tuoi occhi si sono chiusi come due ali grigie,


mentre io seguo l'acqua che porti e che mi porta:

la notte, il mondo, il vento dipanano il loro destino,

e senza di te non sono ormai che il tuo sogno.


Pablo NERUDA

Qualcosa di insopportabile... - Mark TWAIN

Questa immagine del Santo Volto non è un quadro dipinto.
E' un'opera meccanica di computers.
Gli scienziati della NASA hanno rielaborato l'immagine della Sindone,
chiedendo al computer di riprodurre il volto di quell'uomo,
ma senza le ammaccature e la rottura del setto nasale che lo deformano.
Hanno programmato anche gli occhi aperti che
nella Sindone appaiono chiusi.
Una trasposizione manuale dei dati avrebbe richiesto decine di anni.
Il computer lavorò oltre 130 ore.
Se vi è qualche connessione tra la Sindone e il Gesù della Passione,
possiamo ritenere di contemplare l'immagine più verosimile
del Cristo storico.



Poche cose al mondo
sono tanto insopportabili
quanto un buon esempio.
Mark TWAIN

martedì 6 luglio 2010

A Charlotte - Johann Wolfgang GOETHE



Il tuo amore è per me come la stella
della sera e quella del mattino:
tramonta dopo il sole
e sorge prima di esso.
Come la stella polare che non tramonta mai,
e intreccia sopra le notre teste una corona
sempre viva.
Prego gli dèi che mi concedano
di non vedere mai oscurato il cammino
della mia vita.
La prima pioggia di primavera
rovinerà la nostra passeggiata:
ma rinverdirà le piante, e fra poco noi potremo
rallegrarci del primo vento. Non abbiamo,
finora, mai goduto insieme
di una così bella primavera:
Dio voglia che essa non si trasformi
in autunno. Addio.
Verso mezzogiorno verrò
a prendere sue notizie.
Addio, cara, buona.


Johann Wolfgang GOETHE

Ode al giorno - Pablo NERUDA





Questa volta lasciate

che sia felice,

non è successo nulla a nessuno,

non sono da nessuna parte,

succede solo

che sono felice

fino all'ultimo profondo angolino

del cuore, camminando,

dormendo o scrivendo.

Che posso farci, sono

felice.

Sono più sterminato

dell'erba

nelle praterie,

sento la pelle come un albero raggrinzito,

e l'acqua sotto,

gli uccelli in cima,

il mare come un anello

intorno alla mia vita,

fatta di pane e pietra la terra

l'aria canta come una chitarra.


Tu al mio fianco sulla sabbia

sei sabbia,

tu canti e sei canto,

il mondo

è oggi la mia anima

canto e sabbia,

il mondo

è oggi la tua bocca,

lasciatemi sulla tua bocca e sulla sabbia

essere felice,

essere felice perchè sì, perchè

e perchè respiri,

esser felice perchè tocco

il tuo ginocchio

ed è come se toccassi

la pelle azzurra del cielo

e la sua freschezza.


Oggi lasciate

che sia felice,

io e basta,

con o senza tutti,

essere felice

con l'erba

e la sabbia,

esser felice

con l'aria e la terra,

esser felice

con te, con la tua bocca,

esser felice.




Pablo NERUDA

L'anima libera - Charles BUKOWSKI



L'anima libera è rara,

ma quando la vedi la riconosci,

soprattutto perchè provi

un senso di benessere

quando gli sei vicino.


Charles BUKOWSKI

venerdì 2 luglio 2010

Il cammino dell'apostolo... - Schegge e Scintille Pensieri, Spunti, Riflessioni - Lug 2010 a cura di Don Franco LOCCI

"Sarete odiati da tutti a causa del mio nome". (Mt. 10,22)




Il cammino dell'apostolo non è una marcia trionfale.
Come è successo a Gesù succederà anche al suo testimone.

La parola di Dio che siamo chiamati a testimoniare ha una forza talmente destabilizzante che il mondo non può sopportarla: lo squote troppo, gli toglie quella falsa tranquillità in cui preferisce rifugiarsi. Pur nell'umiltà e nella semplicità di "colombe", i cristiani si oppongono, con le loro parole e la loro condotta, al mondo egoista e lo smascherano.

Da qui nasce la persecuzione e la sofferenza, il tentativo di eliminare i veri testimoni della vede.

Per noi si tratta di imparare dal Vangelo a distinguare quando non sia più possibile arrivare a compromessi con un mondo che intende soffocare la Parola di Dio mettendo a tacere chi la testimonia.

Davanti a certe ingiustizie, allo scandalo della sofferenza del più debole, all'elilminazione della vita, alle ferite di un mondo sempre più diviso tra tanti poveri e pochi ricchi, il discepolo, anche sapendo di andare incontro ad opposizioni, non può tacere e non annunciare con la vita che è figlio di Dio e non di questo mondo.

In questa difficile impresa siamo incoraggiati e consolati dalle parole di Gesù nel vangelo di oggi: "chi persevererà sino alla fine sarà salvato".


da Schegge e Scintille - Pensieri, Spunti, Riflessioni - Lug 2010
a cura di Don Franco LOCCI